Vai alla pagina Facebook Vai alla pagina Twitter Registrati Vai al canale YouTube Vai alla pagina Google+ Presto online
A A A

Tu sei qui

Arcieri Ardivestra Montesegale

La struttura sportiva, omologata secondo i dettami della FITARCO, è stata realizzata a tempo di record nel 2000 e inaugurata – per quanto riguarda l’aspetto agonistico – nel giugno del 2001 con una gara interregionale a calendario “900 Round”.
Al nuovo campo attrezzato è stato affiancato, nel 2005, un percorso dotato di sagome tridimensionali raffiguranti animali, per praticare la specialità del tiro di campagna, altrimenti definito “hunter” e “field”, in uno scenario collinare coinvolgente, immerso interamente nel verde, in cui il silenzio è superbo protagonista.
Nel campo per il tiro alla targa dal 2002 si disputa il Trofeo Ardivestra, sempre gara interregionale, che dal 2004 è intitolato alla memoria dell’olimpionico stradellino Alfredo Massazza. Questa manifestazione, che ogni anno raccoglie sempre maggiori consensi e numero di partecipanti, oltre a beneficiare di una competente e adeguata organizzazione ha il pregio di offrire la serenità di una natura integra e ammiccante, gelosamente protetta da una popolazione di persone fiere e ospitali.
Al di là dell’avvenimento sportivo, non è del tutto improbabile imbattersi in qualche amico dell’amico che v’inviti a casa sua per offrirvi l’assaggio del suo salame e il sorseggio del suo vino, tanto anonimi quanto indimenticabili.
Per quanto attiene l’attività promozionale, giova ricordare che è in forte espansione la partecipazione degli arcieri, e degli iscritti in generale, a manifestazioni, sagre, fiere e feste patronali proponendo dimostrazioni pratiche anche per chi desidera avvicinarsi a questo sport o, più semplicemente, provare le principali sensazioni del tiro con l’arco.

Possibilità di fare corsi con istruttori federali FITARCO – ASD Arcieri Ardivestra –
Rif. Giancarlo Orezzi Presidente ASD Arcieri Ardivestra.

Nel campo di Montesegale si allena l’Olimpionico Mauro Nespoli (cittadino onorario di Montesegale).

Il Comune di Montesegale ha conferito la cittadinanza onoraria a Mauro Nespoli
Mauro Nespoli ha uno stretto rapporto con il territorio dell’Oltrepò Pavese, in particolare con Montesegale, dove da anni viene ad allenarsi.
Tutto il paese si è fermato per seguire in televisione le fasi cruciali della finale, in particolare gli ultimi tiri, per poi esplodere in un grido di gioia.
Dice il Sindaco Carlo Ferrari: “Per Montesegale è stato un onore e un orgoglio conferire a Mauro Nespoli la cittadinanza onoraria, è stato un gesto per premiare, in primo luogo, l’affetto verso il nostro paese e poi la persona che ha saputo sempre personificare i veri valori fondamentali dello sport e al tempo stesso portare in alto l’Italia”.
Nell’arco olimpico maschile, in ambito internazionale chiamato recurve (ricurvo), l’Italia ha schierato tutte le frecce del Centro Sportivo Aeronautica Militare. I titolari sono stati Marco Galiazzo, Michele Frangilli e Mauro Nespoli, mentre il giovane Luca Melotto è stato scelto come riserva. Il trio azzurro che ha vinto l’oro nello storico Lord’s Cricket Ground di Londra aveva l’affiatamento e l’esperienza giuste per portare a casa questo fantastico risultato: Marco Galiazzo aveva vinto l’oro individuale ad Atene 2004 e l’argento a squadre a Pechino 2008; Michele Frangilli aveva conquistato il bronzo a squadre ad Atlanta ’96 con Bisiani e Rivolta e l’argento a squadre a Sydney 2000 con Di Buò e Bisiani; Mauro Nespoli aveva vinto all’esordio olimpico l’argento a squadre ai Giochi di Pechino insieme a Galiazzo e Di Buò. Questo stesso terzetto ai Mondiali di Torino 2011 aveva guadagnato la carta olimpica per l’Italia e vinto il bronzo a squadre contro il Messico.